Ti trovi in: Home :: Doratura

 
 

La doratura a foglia, una tecnica artigianale dalle antiche origini

La tecnica artistica della doratura a foglia d'oro zecchino ha origini prevalentemente alto medioevali, periodo in cui veniva utilizzata per la realizzazione dei codici miniati, delle icone e della pittura su tavola in genere. La sottilissima lamina viene applicata con una procedura rimasta invariata nei secoli e che prevede un' accurata preparazione del supporto che verrà dorato. Si sviluppa successivamente al medioevo con un forte incremento nel sec.XVII e XVIII, epoche dello stile barocco e rococò in arte, proseguendo con buoni esempi anche durante l'800 e i primi decenni del sec. XX. Utilizzata in vari ambiti artistici, troviamo che la sua applicazione si rivolge anche all' artigianato d'alto pregio del legno, del ferro, delle pietre e degli intonaci, della terracotta. Esempi applicati di questa antichissima tecnica artistica li troviamo sparsi in tutto il mondo ma i luoghi dove maggiormente è stata praticata sono quelli dell'area mediterranea, mediorientale ed europea.

Tecnica di doratura: le fasi di lavorazione per l'applicazione di foglia d'oro zecchino su legno

Considerazione del tipo di legno idoneo per la doratura

Si utilizzano legni idonei all'intaglio, relativamente morbidi e modellabili con le sgorbie: non duri, non resinosi e nodosi.

La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura

Ammannitura del legno

Bagnatura a pennello molto calda con acqua e colla animale per favorire la dilatazione dei pori ed una buona penetrazione della suddetta colla. Primo fondo.

La doratura a foglia od indoratura

Seconda ammannitura

Stesso preparato applicato meno caldo. Quando l'oggetto sarà asciutto si esegue una prima levigatura del legno con carta abrasiva di grana medio-fine.

La doratura a foglia od indoratura

Impannatura della superficie lignea giuntata

Dove il legno presenta giunture importanti con spine ed incollaggi è possibile seguire, come da antica tradizione, delle applicazioni di teli di lino o cotone con colla animale sulle suddette giunture per uniformare la superficie e rafforzare la giuntura stessa.

Imprimitura o intonacatura del legno o della terracotta

Si esegue una prima applicazione a pennello molto calda di colla animale cotta con gesso di Bologna.

La doratura a foglia od indoratura

Seconda imprimitura e successive intonacature

La seconda applicazione di intonaco sarà meno calda e così le successive sino alla formazione, secondo le esigenze del tipo di doratura, di uno strato più o meno spesso di imprimitura.

La doratura a foglia od indoratura

Levigatura dell'imprimitura a gesso

Durante le applicazioni di imprimitura, se necessario, per mantenere uniforme il livello superficiale, si leviga finemente. Si termina con una levigatura finale ed un controllo a luce radente.

La doratura a foglia od indoratura

Bagnatura dell'imprimitura levigata

Per fermare lo spolvero del gesso e preparare all'applicazione del bolo si guazza leggermente con soluzione di acqua , colletta e alcol.

Bolatura gialla e rossa delle superfici intonacate

Con bolo armeno giallo diluito in colla animale si inizia a campire le zone da brunire. Con bolo armeno rosso diluito allo stesso modo si campiscono le stesse zone da una a quattro volte a seconda del tipo di brunitura da eseguire. Dopo l'asciugatura si leviga il bolo molto finemente o si brunisce come da necessità.

La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura

Guazzo per l'applicazione della foglia d'oro o d'argento

Sul cuscino e con la coltella da doratori si taglia l'oro nella misura desiderata e si applica con pennello apposito sopra un guazzo (bagnatura) d'acqua e colletta del bolo. Il bolo così bagnato richiama a sé la foglia che attenderà, nelle circa dodici ore successive, l'asciugatura.

La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura

Argentatura delle superfici intonacate e bolate

Essa prevede lo stesso procedimento di applicazione dell'oro, si discosta solo per alcuni particolari in considerazione del maggior peso della foglia d'argento.

La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura

Oro falso ed applicazioni nella doratura a foglia

"Similoro". Ugualmente dicesi per l'applicazione della foglia di oro falso anche essa di peso maggiore rispetto alla foglia di oro zecchino. È importante ricordare che essendo essa costituita da una lega di vari metalli è soggetta ad ossidazione. La doratura con"similoro"necessita quindi di verniciatura trasparente protettiva applicata a pennello o spruzzo.

La doratura a foglia od indoratura

Brunitura della foglia d'oro applicata

Con l'utilizzo di appositi strumenti realizzati in legno e pietra d'agata, la foglia d'oro applicata, dopo l'asciugatura, può essere brunita per ottenere il tipico effetto di forte brillantezza. La brunitura può alternarsi a zone dorate volutamente lasciate opache per creare un contrasto decorativo.

La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura

La buona esecuzione di ogni singolo passaggio tecnico è a favore di una sempre più pregevole doratura. Se, ad esempio, l'intonacatura, fase fondamentale del procedimento, rivela imperfezioni, che possono essere di varia natura, tutti i passaggi successivi saranno compromessi fino al danneggiamento della foglia d'oro; la conseguenza è di dover ripetere dall'inizio l'operazione oppure di praticare uno sconsigliato rattoppo.

Da qui un monito a quanto sia importante, per questa antica tecnica, curare con estrema professionalità ogni singola fase di lavoro, anche perché in alcuni casi non è possibile rimediare ad un danno di procedura.

Tecniche decorative correlate alla doratura od indoratura

La superficie dorata potrà essere ulteriormente decorata con alcuni accorgimenti tecnici quali: granitura dorata, punzonatura della superficie, incisione, dipintura a colori, velatura correttiva, anticatura e altro.

La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura

Con la stessa tecnica del guazzo è possibile decorare, oltre il legno, materiali come la terracotta grezza (biscotto), gli intonaci, il ferro, la cartapesta.

La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura

Mordenzatura del legno trattato

L'applicazione della foglia d'oro o d'argento sopra descritta con la tecnica del guazzo è quella che richiede una maggiore abilità tecnica al fine di un risultato di alto pregio. Esistono anche tecniche d'applicazione della foglia differenti dal guazzo e che permettono l'indoratura di svariati materiali come la pelle, il vetro, il marmo ed i lapidei in genere, i metalli, il gesso, le impagliature, le carte, i materiali plastici, ecc. Ricordiamo tra queste tecniche la più praticata, quella detta "a missione" o mordenzatura dal nome di un'apposita vernice collante applicata sulle superfici da dorare precedentemente preparate. Apparentemente più immediata, questa tecnica permette, seppur con risultati differenti, una maggiore velocità di esecuzione, una maggiore resistenza agli agenti atmosferici esterni ed una differente versatilità in rapporto ai materiali con i quali viene ad interagire.

La doratura a foglia od indoratura La doratura a foglia od indoratura

Polveri d'oro ed applicazioni nella doratura

Con la mordenzatura è possibile utilizzare, oltre che foglie d'oro e d'argento vero, oro e argento falso, anche le polveri d'oro vero e falso per particolari decorazioni più o meno pregiate. In questo caso la coloritura diretta a pennello con oro raggiunge risultati caratteristici di questa procedura.

La doratura a foglia od indoratura

 

© 2010-2018 ~ Laboratorio Artigiano Doratura e Restauro di Maria Urciuoli
Via Trieste, 49 p.t. - 16043 Chiavari (GE) - Italy - P.I.: 00097458889 - C.F.: RCLMRA67D42A509C
Tel.: +39-349-5422103 - E-mail: info@laboratoriodoratura.com - Credits - Privacy Policy e Cookie